Fiat 128 Berlina 1970

Home Auto in vendita Fiat 128 Berlina 1970
1_risultato
2_risultato3_risultato4_risultato5_risultato6_risultato7_risultato8_risultato9_risultato10_risultato11_risultato12_risultato13_risultato13a_risultato14_risultato15_risultato16_risultato17_risultato18_risultato19_risultato20_risultato21_risultato22_risultato23_risultato24_risultato25_risultato26_risultato27_risultato28_risultato29_risultato30_risultato31_risultato32_risultato33_risultato34_risultato35_risultato36_risultato37_risultato38_risultato39_risultato39a_risultato40_risultato41_risultato42_risultato43_risultato44_risultato44a_risultato44b_risultato45_risultato46_risultato47_risultato48_risultato49_risultato51_risultato52_risultato53_risultato54_risultato55_risultato56_risultato57_risultato58_risultato59_risultato60_risultato61_risultato62_risultato63_risultato64_risultato65_risultato66_risultato67_risultato67a_risultato68_risultato69_risultato70_risultato71_risultato73_risultatocGrande con sito

Dettagli veicolo

Condizioni Auto in vendita
Anno 1970
Motore 1116
CV 55
Alimentazione Benzina - Petrol
Condizioni Auto in vendita
Marca Fiat
Modello 128 Berlina
Anno 1970
Alimentazione Benzina - Petrol
Colore Grigio Garda 604
Tipologia Berlina / Sedan
Tipo Cambio Manuale
Porte 4
Motore 1116
CV 55
Potenza 40 kW (55 CV)
kW 40

Descrizione del veicolo

Fiat 128 berlina prima serie, 4 cilindri in linea di 1116 c.c da 55 cv.  Immatricolata il 10 Novembre 1970 a Città di Castello in provincia di Perugia.

Grigio Garda 604 con interni in skai rosso (matching colors).

2 proprietari della stessa famiglia.

Auto conservata con cura, nessun incidente, buona verniciatura.

Interni originali ben conservati, compreso il tappeto del pavimento in gomma.

Meccanica e motore (128 A.000) originali (matching numbers) in ottime condizioni di funzionamento.

Targhe e libretto originali, omologata Asi targa oro.

Breve presentazione:

La prima serie della Fiat 128 venne lanciata sul mercato nell’aprile 1969. Prima vettura di serie con marchio FIAT a trazione anteriore, fu progettata dall’ing. Dante Giacosa (padre di tutti i modelli FIAT fino ai primi anni settanta), ed era considerata una vettura all’avanguardia.

In quegli anni la configurazione tutto avanti era una soluzione poco diffusa in Italia e sino a quel momento osteggiata dai vertici FIAT. La vera innovazione rispetto a quasi tutte le concorrenti pioniere della trazione anteriore fu il gruppo motore-trasmissione montato in posizione trasversale, con il cambio in linea a sinistra del motore, ciò che consente un ottimale sfruttamento dello spazio nell’abitacolo. Questo schema, oggi adottato da tutti i costruttori sulle piccole-medie trazioni anteriori, è significativemente chiamato “disposizione Giacosa”, dall’ingegnere italiano.

La 128 è caratterizzata anche da altre scelte tecniche innovative: le sospensioni a quattro ruote indipendenti consistevano in uno schema McPherson all’avantreno e in una sospensione con balestra trasversale, con funzione anche di barra stabilizzatrice al retrotreno.

L’interno è più improntato alla funzionalità che al lusso, con un cruscotto semplice e razionale, sedili rivestiti in finta pelle, finiture semplici e una notevole abitabilità interna, anche grazie all’assenza del tunnel centrale.

Al debutto era disponibile una sola motorizzazione: un nuovo 4 cilindri in linea di 1116 cm³ da 55 cv, con albero a camme in testa azionato da cinghia dentata in gomma, che comandava direttamente le punterie senza interposizione di bilancieri. La velocità massima veniva dichiarata in circa 140 km/h.

La linea, piuttosto spigolosa e priva di concessioni alla stravaganza, segue i dettami stilistici in voga all’epoca, già adottati dalla FIAT per i precedenti modelli “124” e “125”.

La “128” ottenne subito un notevole successo di vendita in tutta Europa, anche aggiudicandosi il premio di Auto dell’anno nel 1970. Narra il designer Giorgetto Giugiaro che, recandosi a Wolfsburg per presentare i bozzetti del disegno della futura Golf, vide nel reparto progettazione Volkswagen una “128” completamente smontata; i tecnici tedeschi ritenevano infatti che la berlina Fiat fosse il miglior esempio di “auto medio piccola” moderna, alla quale ispirarsi per lo schema tecnico.

Al momento del lancio la Fiat 128 si confrontava, nella sua categoria, con pochi modelli a trazione anteriore, Peugeot 204 e Simca 1100 (già con carrozzeria a portellone), rispetto alle quali offriva qualità di guida più moderne, mentre tecnicamente e dinamicamente surclassava le Ford Escort Mk1 e le Opel Kadett B a trazione posteriore…

Il presente annuncio è valido salvo errori di trascrizione e non costituisce alcun vincolo contrattuale.

TOMMYCAR dal 1999 professionalità ed esperienza ventennale nella compravendita e restauro di auto d’epoca, classiche e sportive.

Alfa Romeo Classic Specialist.

Le auto in vendita sono di esclusiva proprietà della TOMMYCAR ( NO CONTO VENDITA E MEDIAZIONE ) a garanzia di selezione e qualità, vendute con regolare contratto e fattura di vendita.

Possibilità di polizza 5 giorni per ritiro immediato.

Possibilità di spedizione in Europa, Svizzera, America, Emirati Arabi e Asia ad un prezzo vantaggioso.

Riceviamo nella nuova sede solo previo appuntamento telefonico.


Contatta Tommycar